Sabato 7 marzo 2020

Castelfalfi affonda le sue radici nella civiltà etrusca, 2500 anni fa. Testimonianza della presenza etrusca sono i ritrovamenti di urne cinerarie del 135 a.C. La ricchezza del terreno e l’altitudine di oltre 150 m s.l.m., erano le caratteristiche essenziali per gli insediamenti etruschi.

È opinione comune che il nome Castelfalfi derivi da Castrum Faolfi o Farolfi, cioè roccaforte militare di Faolfo, re longobardo che pare abbia fondato il borgo. Le prima ed unica prova scritta di tale periodo è una lettera del 754 in cui Walfredo di Ratgauso della Gherardesca cita Castelfalfi in occasione di una donazione alla Badia di Monteverdi in Maremma. Oggi Castelfalfi, dopo un periodo di decadenza, è un resort con ville e appartamenti, azienda agricola, castello,due hotel, ristoranti e campo di golf.

Partenza: Da Sesto F.no parcheggio di fronte al Carrefour alle ore 8 con arrivo previsto a Castelfalfi alle 9.30

Itinerario: Castelfalfi, la Collina, Collerucci, il Roglio, la Costia, Iano, podere Vignale, tabernacolo della Cappella del Lupo, Castelfalfi.

Tempo: 6 h

Difficoltà: E

Ritorno: Da Castelfalfi alle 17 con arrivo previsto a Sesto F.no alle ore 18.30

Note: Pranzo a sacco.

Direzione gita: AE Silvio Bacci, 055.4212609, cell. 3335662468

Mauro Nocentini, cell. 338.4785718