Alla scoperta di un’antica ferrovia mineraria abbandonata, in una zona da sempre sfruttata per le sue ricchezze minerarie: calcedonio, magnesite, lignite. Ripercorreremo insieme, all’interno della Riserva di Monterufoli-Caselli, i luoghi più interessanti e suggestivi tra case cantoniere, ponti che resistono al passare del tempo e strutture abbandonate. Tutto questo guadando torrenti e percorrendo un angolo di natura unico. Infine, se il tempo lo permetterà, per chi vuole, ci sarà la possibilità di fare un bagno nel torrente Ritasso come si faceva un tempo che fu! Un’avventura emozionante e coinvolgente.
Considerate le condizioni meteo passate e presenti e ritenendo che le piogge possano avere ingrossato in modo considerevole i torrenti che avremmo dovuto guadare, l’uscita in oggetto risulta ANNULLATA.

Continua a leggere »

Il Monte Sagro (1753 m) si erge a lato della dorsale principale delle Apuane e può essere considerato un avamposto imponente proteso verso il Mar Ligure. Dalla sua cima si domina gran parte della catena apuana dal Pizzo d’Uccello fino alle Panie, ma anche le isole del golfo di La Spezia, la Gorgona, e tutta la litoranea da Monte Marcello alla Versilia. A sud, nei Vallini del Sagro, la vista si perde in uno dei bacini marmiferi più vasti e inquietanti. Continua a leggere »

Giovedì 1 ottobre 2020 riapre la palestra di arrampicata presso il liceo Agnoletti, via Ragionieri 47.

Per i protocolli in vigore, il CAI non può più fornire la propria attrezzatura. Ogni persona che si recherà in palestra deve dunque portare i l proprio materiale. In particolare: imbraco, grigri con moschettone, scarpette e corda. Oltre naturalmente alla mascherina!

Dalla commissione regionale per l’escursionismo riceviamo le slide relative alla proposta di variazione del percorso del sentiero Italia in corrispondenza delle Alpi Apuane.

Le slide sono disponibili qui: Presentazione_Variante_SI_Apuane

Una serata per approfondire la conoscenza della mountain bike tramite racconti di cicloescursioni, dalle più semplici alle più impegnative, con la Toscana come contorno. Continua a leggere »

Il progetto è stato realizzato nel corso del 2019 dalla Cooperativa sociale La Fonte di Cercina con la collaborazione del CAI, su incarico dell’Amministrazione comunale di Sesto Fiorentino e della Regione Toscana. Lo scopo è quello di realizzare una serie di percorsi naturalistici per la fruibilità pubblica (in parte già esistente) dell’ambiente del Rimaggio, dal centro cittadino fino alle sue sorgenti su Monte Morello. Continua a leggere »