La via delle Bocchette Alte è la ferrata più famosa delle Dolomiti del Brenta, un itinerario di grande soddisfazione con panorami mozzafiato che attraversa una serie di cenge esposte a 3000 m di quota che raggiungono il punto più alto a circa 100 m sotto la vetta di Cima Brenta (3150 m). Continua a leggere »

Il Corno di Cavento è una cima di 3402 m tra la val di Fumo e la val Rendena, gruppo Adamello. L’escursione ci porta in uno degli ambienti più suggestivi della guerra bianca, alla scoperta del Corno di Cavento, cima aspramente contesa dall’esercito italiano e austro-ungarico, e della straordinaria galleria realizzata nel corso della guerra sulla sua cima. Continua a leggere »

La Becca di Monciair si eleva isolata sui plateau glaciali circostanti: una piramide aguzza, in piacevole contrasto con la struttura tozza del vicino Ciarforon. Il suo scivolo nord è parte, con la nord del Ciarforon e del gran Paradiso, di una triade di salite su ghiaccio superclassiche, indubbiamente le più frequentate della catena del Gran Paradiso. Continua a leggere »

Nel cuore dell’Italia tra le Marche e l’Umbria si ergono imponenti i Monti Sibillini con oltre 20 vette che superano i duemila metri fino a raggiungere i 2.476m. del Monte Vettore. Nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini numerosi sono i percorsi dedicati alla mountain bike e esplorare il Parco in sella ad una mountain bike consente di catturare sensazioni laddove i motori spegnerebbero il canto degli uccelli e consente di viaggiare lungo strade imperiali e sentieri in origine per le tregge dei contadini i muli dei boscaioli. Continua a leggere »

Gita luppolo-alpinistica di due giorni a Merano dove andremo a percorrere due ferrate nei dintorni mentre la sera ceneremo presso il Forst Biergarten, dove potremo degustare una cena tipica annaffiata dalla famosissima birra Forst. Il pernottamento è previsto a Forst o nei pressi in pensione o agriturismo da definire. Continua a leggere »

Bellissima e impegnativa cicloescursione sull’appennino toscano con inizio da Poggio Mandri (comune di Londa) che si inoltra nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi includendo salite panoramiche, tratti su crinale, discese su single track, la conquista della cima del Monte Falco (1.658m), del Monte Falterona (1.654m) e il passaggio dalle sorgenti del fiume Arno. Un giro epico che ci farà ammirare la bellezza di questo territorio ma che richiede una buona preparazione atletica e un’ottima capacità di guida in discesa. Continua a leggere »