Dalla vetta del Cusna, seconda cima dell’Appennino Settentrionale, si articola in direzione sud est una lunga dorsale, pressappoco parallela al crinale principale dell’Appennino Tosco Emiliano e che, passando per le vette del Sasso del Morto e della Piella, appena oltre si cala nell’ampio avvallamento del Passone, importante crocevia e punto di transito per escursionisti.

Oltre la sella del Passone si erge l’Alpe di Vallestrina, che con un elevazione di 1904 m. e le sue stratificazioni d’arenaria, assume un aspetto imponente e selvaggio. Curiosamente nessun sentiero segnato ne guadagna la vetta; si tratta di una vetta minore, per lo più dimenticata, ma che è uno straordinario balcone panoramico con un eccezionale vista sul Cusna e sul Prado.

L’itinerario è una salita alpinistica invernale in Appennino che richiede conoscenza e pratica nell’uso dei ramponi e della piccozza.

Partenza: dal parcheggio Carrefour a Calenzano alle ore 6:30 con mezzi propri e costi di viaggio condivisi. Arrivo previsto alle ore 9.30 a Pian del Monte.

Ritorno: Da Pian del Monte alle ore 16:00 con arrivo previsto a Carrefour Sesto F.no alle ore 19:00.

Itinerario: da Pian del Monte (1074 m) si imbocca una sterrata in salita segnata con segnavia CAI 611 (indicazioni bivacco Vallestrina). Seguendo lungamente il sentiero che all’inizio costeggia dei campi e poi si inoltra nel bosco, si inizia a salire più decisi fino a raggiungere, al termine di una ripida ma facile rampa, il Bivacco Zambonini (o Capanna Vallestrina) situato proprio sotto l’Alpe di Vallestrina, a 1595 m. di quota, in un magnifico anfiteatro di origine glaciale. (2 h – 2 h 30’ a seconda dell’innevamento).

Dall’anfiteatro, usciti dalla vegetazione e sempre proseguendo sul sentiero CAI 611, per ripido pendio (max 40°) si sale fino a raggiungere sul crinale il passo di Vallestrina dove si incrocia il sentiero CAI 607 che lasciamo girando a sx per continuare l’ascesa lungo l’ampia dorsale occidentale della montagna fino alla vetta (1904 m).

Rientro per lo stesso itinerario.

Tempo Salita: 3 h 30’

Tempo Discesa: 3 h

Difficoltà: F+

Dislivello: + 830 m. circa

Note: è necessaria una buona forma fisica; obbligatorio abbigliamento invernale e scarponi idonei, piccozza, ramponi, casco, imbraco e attrezzatura per auto assicurazione, cordini per prusik e longe, 2 moschettoni a ghiera.

Direzione gita: Riccardo Bresci – riccardobresci@hotmail.com – 329 1049585