Da definire
Durata
4 gg
Dislivello
+2.500 m in 3 gg
E / EE

Quattro giorni di trekking nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini con vista dell’altopiano di Castelluccio di Norcia per la splendida fioritura della lenticchia… e non solo. I Monti Sibillini sono il quarto massiccio montuoso per altezza dell’Appennino continentale (dopo Gran Sasso, Maiella e Velino-Sirente); si trovano nell’Appennino umbro-marchigiano, lungo lo spartiacque primario dell’Appennino centrale, a cavallo tra Marche e Umbria, e precisamente tra le province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Perugia.

Il territorio dei Monti Sibillini ricade nell’omonimo Parco Nazionale dei Monti Sibillini con una lunghezza da Nord a Sud di circa 40 km, costituiti prevalentemente da rocce calcaree, formatesi sui fondali di mari caldi, presentano numerose cime che superano i 2000 m di altitudine, come la maggiore del gruppo, il monte Vettore (2476 m s.l.m.), il monte Priora (o pizzo della Regina), il monte Bove e il monte Sibilla.

Ritorno: Dalla Cascata delle Marmore alle ore 16.00 con arrivo previsto a Calenzano alle ore 19.00.

Note: mezzi propri e costi condivisi. Pranzo a sacco. Scarpe con suola scolpita in ottimo stato e abbigliamento adeguato. Bastoncini sempre consigliati. Riservata ad escursionista esperto
con buona condizione fisica in grado di affrontare i dislivelli, i sentieri esposti, il terreno ripido soprattutto in discesa e i passaggi su roccia friabile.

Direzione gita:

NOTA: Le adesioni devono giungere per email ai capi gita e avranno valore solo se è stato versato l’acconto previsto.

Questa gita sarà presentata con tutti i dettagli mercoledì 31 gennaio ore 21 presso Casa Guidi, sede del CAI Sesto Fiorentino. Per partecipare è necessario effettuare la richiesta con questo link. Ingresso libero a soci e NON Soci fino al raggiungimento del numero massimo ammesso in sala.

Programma


Giovedì 4

Partenza dal parcheggio davanti al Carrefour (Via E. Cherzani) a Calenzano alle ore 6.30 in auto proprie a costi condivisi (oppure in bus se il numero dei partecipanti lo consente)
con destinazione Forca Canapine per la partenza del primo trek.

Itinerario: Monte Utero e Pantani di Accumoli (m. 1808). Percorso ad anello della lunghezza di 10 km con partenza da Forca Canapine in direzione dei Pantani di Accumoli e Monte dei Signori. Da qui si ridiscende ad una sella per poi, usciti dalla faggeta, salire verso la vetta del Monte Utero con una bella vista a 360° sui Sibillini, sul Gran Sasso, sulla Majella e sul Sirente-Velino. Rientro ad anello da Forca dei Copelli con vari animali allo stato brado al pascolo.

  • Tempo: 4 h 30’
  • Difficoltà: E
  • Dislivello: 450 m

 


Venerdì 5

Monte Vettore (2476 m) e/o Monte Redentore (2448 m) con percorso ad anello della lunghezza di 11 km.

Itinerario: Partenza da Forca di Presta verso il Monte Vettoretto (2052 m) per proseguire verso il bivacco Tito Zilioli dove l’itinerario si biforca e alcuni proseguiranno per la vetta del Monte Vettore (il più alto dei Sibillini) e altri affronteranno la cresta del Monte Redentore (percorso per Escursionisti Esperti). Il gruppo si ritroverà poi al bivacco Tito Zilioli per rientrare insieme a Forca di Presta dallo stesso sentiero dell’andata, dalla strada, durante il viaggio di rientro verso l’albergo, potremo godere la bellissima vista della fioritura della lenticchia di Castelluccio di Norcia.

  • Tempo: 6 h 00’
  • Difficoltà: E/EE
  • Dislivello: 1000 m

 


Sabato 6

Monte Bove (2169 m) con percorso ad anello della lunghezza di 14 km.

Itinerario: Partenza da Frontignano di Ussita in decisa salita verso il Rifugio Cornaccione e poi verso il Monte Bicco (dove troveremo una nutrita colonia di cavalli allo stato brado e soprattutto tanti camosci appenninici). Continueremo ancora in salita fino alla vetta del Monte Bove Sud (2169 m) per poi proseguire su tutta la splendida cresta della conca glaciale fino a Monte Bove Nord (2112 m) per iniziare poi la lunga discesa verso il Rifugio Cristo delle Nevi e quindi chiudere ad anello a Frontignano di Ussita.

  • Tempo: 7 h 00’
  • Difficoltà: EE
  • Dislivello: 1033 m

 


Domenica 7

La Cascata delle Marmore, itinerario Turistico.

Itinerario: La cascata delle Marmore è formata dal fiume Velino e dal Nera, affluenti del Tevere, nei pressi di Terni, quasi allo sbocco della Valnerina. A flusso controllato, è la più alta cascata artificiale d’Europa e tra le più alte del mondo, potendo contare su un dislivello complessivo di 165 m suddiviso in tre salti. Rientro al parcheggio di partenza a Calenzano.

Compila il form per richiedere informazioni sull’evento