Rosengarten, impropriamente chiamato con il toponimo dispregiativo “Catinaccio” prende il nome da una delle sue caratteristiche peculiari, ovvero la colorazione rosata che assume al tramonto. Il fenomeno è dovuto alla composizione delle pareti rocciose delle Dolomiti. Una delle delle più celebri leggende delle Dolomiti, la “leggenda di Re Laurino”, descrive uno splendido giardino di rose posseduto da un re dei nani e rimasto ad imperitura memoria di questo popolo. Il Rosengarten è stato inoltre teatro di grandi pagine della storia alpinistica da Winkler a Steger, da Piaz a Maestri.

Il Rifugio Vajolet, base logistica della gita, si trova nella zona del Catinaccio sotto le Torri del Vajolet, al centro di numerose camminate, escursioni e vie attrezzate. Esiste la possibilità di effettuare numerose scalate di diversa difficoltà (parete Est del Catinaccio, punta Emma e Torri del Vajolet).

Venerdì: Ritrovo ore 9.15 presso il parcheggio Carrefour Calenzano, partenza ore 9.30 con mezzi propri, arrivo previsto al Pera di Fassa ore 14 circa, trasferimento al rifugio Vajolet (2.243 m) – www.rifugiovajolet.com – 0462.763292  – 335.7073258 (o altra sistemazione nell’area in relazione al numero dei partecipanti) con formula di mezza pensione.

Sabato: Giornata dedicata all’arrampicata sulle pareti che contornano il rifugio.

Domenica: Itinerari a scelta sulle pareti attorno al rifugio. Alcune proposte di salita di più tiri:

Punta Emma (2.617 m):

– Via normale IV-

– Fessura Piaz IV+ passo di V;

– Diretta Steger V.

Torri del Vajolet (circa 2.800 m):

– Torre Stabeler: diedro Fehrmann IV+;

– Torre Delago: spigolo Piaz IV-

– Torre Winkler: fessura Winkler IV+.

Cima Catinaccio (2.981 m):

– via Fantasia V-;

– diretta Steger V+

Ritorno: Rientro a Firenze a discrezione o in alternativa rientro al rifugio consigliato entro le 14, partenza ore 16, arrivo previsto ore 21

Note: Al Rifugio Vajolet è previsto il trattamento di mezza pensione. I partecipanti alla gita devono equipaggiarsi obbligatoriamente di casco, imbracatura bassa, N.D.A., mezza corda da 60 e comunque tutto ciò sia ritenuto necessario in relazione ai percorsi previsti. Gli iscritti dovranno compilare il modulo per il consenso informato e indicare le principali esperienze di arrampicata su roccia relative agli ultimi 2 anni

Iscrizioni tassative e versamento della caparra di € 15,00 entro il 31 agosto 2016.

Direttore: Sez. Filippo Martinelli cell. 335275182, filippomartinelli74@gmail.com – Sez. Laura Chini, cell. 3336618425