Da richiedere alla Direzione Gita
Durata
6 giorni
Dislivello
Oltre 3.500 metri in totale
E/EE solo per escursionisti esperti

Il Sentiero Roma, è un trekking di alta quota, lungo 54 km, che si svolge prevalentemente ai 2500 metri,   nel tratto delle Alpi Retiche situato tra Engadina e Val Masino-Val Malenco. Inizia in Val Chiavenna (Novate Mezzola) e termina in Val Malenco (Torre Santa Maria). Noto anche come Alta via del Granito, l’itinerario si svolge sul versante Sud di grandi montagne, come il Pizzo Badile, il Cengalo, la Cima di Zocca, la Cima di Castello e l’imponente Monte Disgrazia, che formano il confine con la Svizzera. Si tratta della prima alta via ideata e realizzata in Italia su progetto della sezione di Milano del CAI del 1928. Per percorrerlo occorrono diverse giornate di cammino, dai 3 ai 5 giorni in base all’itinerario che si desidera seguire. Noi proponiamo la variante Val Masino che comprende le due tappe centrali più impegnative e famose tra il rifugio Gianetti e il rifugio Ponti. Non mancheremo di visitare, sulla via di rientro, la Val di Mello che a cavallo degli anni ’70 e ’80 vide svilupparsi in Italia il free climbing sulle sue vertiginose pareti di granito. Percorso impegnativo soprattutto per l’impegno psico-fisico legato ai dislivelli, all’alta quota, all’esposizione e alle lunghe tappe da portare a termine con lo zaino in spalla.

 

Domenica 1

Partenza dal parcheggio del Carrefour di Calenzano alle ore 7 per Bagni di Masino con mezzi propri con arrivo previsto alle ore 12.30.

Itinerario: Bagni di Masino (1170 m) – Rifugio Omio (2100 m)

Tempo: 3 h

Difficoltà: EE

Dislivello: 900 m in salita, 0 m in discesa

 

Lunedì 2

Itinerario: Rifugio Omio (2100 m) – Passo del Barbacan (2598 m) – Rifugio Gianetti (2534 m)

Tempo: 4 h

Difficoltà: EE

Dislivello: in salita 500 m, in discesa 100 m

 

Martedì 3:

Itinerario: Rifugio Gianetti (2534 m) – Bivacco Molteni-Valsecchi (2560 m) – Passo Qualido (2670 m) – Passo dell’Averta (2540 m) – Rifugio Allievi-Bonacossa (2385 m)

Tempo: 7 h

Difficoltà: EE

Dislivello: in salita 700 m in discesa 850 m

 

Mercoledì 4

Itinerario: Rifugio Allievi-Bonacossa (2385 m) – Passo Val Torrone (2518 m) – Bivacco Manzi-Pirotta (2538 m) – Valico Cameraccio (2950 m) – Bivacco Kima (2700 m) Bocchetta Roma (2850 m) – Rifugio Ponti (2559 m).

Tempo: 8 h

Difficoltà: EE

Dislivello: in salita 820 m, in discesa 650 m

 

Giovedì 5

Itinerario: Rifugio Ponti (2559 m) – Valle di Pedra Rossa (2100 m) – Sentiero Life – Baita dell’Averta (2252 m) – Passo della Romilla (2546 m) – Baita quota 2075 – Belvedere (1618 m) – Cascina Piana (1092 m) in Val di Mello.

Tempo: 7 h

Difficoltà: EE

Dislivello: in salita 600 m, in discesa 2000

 

Venerdì 6

Itinerario: Cascina Piana (1092 m) – San Martino (927 m)

Tempo: 2 h

Difficoltà: E

 

Note: esperienza di montagna e ottima condizione fisica per l’alta quota e l’esposizione; sacco-letto e materiale tecnico (ramponcini, bastoncini, piccozza) in base alle condizioni del percorso.

 

Direzione gita:

Andrea Giorgetti, tel. 335 695 2117, e-mail: doctor.george@tin.it

Franco Lombardo, tel. 392 661 2694, e-mail: francolombardo1@virgilio.it

NOTA: Le adesioni devono giungere per email ai capi gita e avranno valore solo se è stato versato l’acconto previsto.

Questa gita sarà presentata con tutti i dettagli mercoledì 7 febbraio ore 21 presso Casa Guidi, sede del CAI Sesto Fiorentino. Per partecipare è necessario effettuare la richiesta con questo link. Ingresso libero a soci e NON Soci fino al raggiungimento del numero massimo ammesso in sala.

Compila il form per richiedere informazioni sull’evento